i decespugliatori a scoppio

Con l’avvicinarsi della primavera, bisogna iniziare a prendersi cura del proprio giardino e degli spazi verdi e soprattutto, rimettere in funzione il decespugliatore. Stiamo parlando di uno strumento che a volte viene chiamato con sufficienza: taglia-erba. Questo attrezzo è indispensabile per il diserbo delle piante infestanti sia in zone pianeggianti ma anche su superfici con forte pendenza, sconnesse e in presenza di ostacoli come tronchi di albero, muretti, scalini e recinzioni. Il suo campo d’applicazione può spaziare dalla rimozione di erbacce, cespugli e piccoli arbusti al taglio di siepi e potatura di alberi, grazie all’aggiunta di accessori speciali. Il decespugliatore è un attrezzo versatile che può arrivare ad operare in posti dove non arrivano altre macchine.

i decespugliatori a scoppio

Caratteristiche dei decespugliatori:

Un buon decespugliatore consta di una tecnologia molto sofisticata e può essere dotato di un motore a scoppio a due o quattro tempi per un uso professionale e impegnativo oppure di un motore elettrico se destinato all’hobbistica e a piccoli giardini. Il decespugliatore è costituito inoltre di altri componenti indispensabili per un corretto utilizzo: un’asta di trasmissione, una testina rotante dotata di filo di nylon, una lama rotante e dischi per erba o per legno. Nella selezione di un buon decespugliatore, un elemento fondamentale è rappresentato dall’asta. Il suo scopo è quello di trasmettere il movimento rotatorio che va dal motore al rotore. L’asta può essere fissa o flessibile. L’asta fissa comporta che l’intero decespugliatore sia manovrato attraverso delle apposite impugnature ancorate all’asta stessa. Invece l’asta flessibile consente di trasportare in modo semplice il peso del motore sulle spalle come se fosse uno zaino, agevolando, nonostante l’ingente peso, i movimenti dell’operatore. Ma vediamo qui di seguito che differenza esiste tra un modello a motore a scoppio ed uno elettrico:

Decespugliatori a scoppio:

Il decespugliatore con motore a scoppio a due tempi funziona grazie ad una miscela di benzina e olio e può essere di cilindrata variabile. Questo modello è particolarmente indicato per un uso impegnativo e per lavori più duri che richiedano continuità. Il decespugliatore a scoppio ha la possibilità di alloggiare sia una testina con filo, per il taglio di erba, per la rasatura del prato e per la rimozione di arbusti giovani e cespugli, sia per l’inserimento di un disco per l’eliminazione di erba alta e folta, piccoli arbusti, canne ed erbacce resistenti sia per l’ausilio di un disco per legno, per la rimozione di rovi infestanti, sterpaglie o vegetazione da sottobosco o addirittura una lama rotante in acciaio. Il decespugliatore a motore a scoppio è generalmente dotato di una tracolla, per i modelli più leggeri o di un’imbracatura a zaino, definita “spalleggiato” se è di grossa cilindrata. Questo macchinario necessita di una manutenzione costante, che comporta non solo la pulizia della testina rotante, della lama in acciaio o dei dischi, ma anche la verifica del livello dell’olio lubrificante, dell’affilatura della lama, della sostituzione del filtro dell’aria, della sostituzione o della pulizia della candela e molto altro.

Il decespugliatore con motore a scoppio si suddivide a sua volta in due categorie:

La prima consta di modelli brandeggiabili che arrivano a pesare fino a 7,5 kg e sono equipaggiati con un motore a due tempi con una cilindrata che può variare dai 30 ai 50 cc. Questi possono essere utilizzati, visto il loro esiguo peso senza tracolla o con tracolla per meglio distribuire il peso

La seconda categoria include invece i modelli spalleggiati che sono molto più pesanti e ingombranti. Sono equipaggiati di un motore a 2 o 4 tempi e devono assolutamente essere trasportati con l’ausilio di un’imbracatura a zaino poiché arrivano a pesare anche oltre i 10 kg. Sono poco maneggevoli, però grazie alla loro potenza riescono a lavorare in condizioni estreme e grazie ad un’asta più lunga arrivano a tagliare anche in zone molto scoscese e inaccessibili.

Il decespugliatore con motore elettrico sia a filo che a batteria, non ha mai incontrato molto interesse per chi richiede prestazioni professionali e continuità in lavori di pulizia duri e complicati. Però ha comunque delle qualità che lo rendono uno strumento interessante e utile per lavori di rifinitura che non richiedano forza. Infatti oltre ad essere facilmente trasportabile grazie al suo esiguo peso, il decespugliatore elettrico è molto maneggevole e trova il suo migliore campo d’azione nel rifinire i bordi di un prato, nella rimozione di erbacce giovani e tenere e in tutti i settori dell’hobbistica da giardinaggio. Tra i modelli più richiesti di questa categoria, sicuramente quello elettrico alimentato dalla rete di casa tramite filo, con una potenza di 1 KW è quello più idoneo ai lavori di giardinaggio fai da te e rispetto ai modelli a batteria è più potente e garantisce maggiore continuità.

Ulteriori utilizzi del decespugliatore che possano convincere nella scelta

Oggi scegliere un decespugliatore è un’operazione abbastanza complessa, in quanto la vasta gamma di modelli che il mercato offre mette in difficoltà l’acquirente. La scelta è ulteriormente difficoltosa a causa dei vari accessori aggiuntivi che risultano utili solo per appagare una clientela molto esigente con velleità creative. Però ci sono due accessori da non sottovalutare nello scegliere un decespugliatore piuttosto che un altro:

Il primo è costituito da una barra di guida che consente di tagliare rami ad altezze supportate dalla lunghezza dell’asta

Il secondo accessorio è invece un supporto metallico dotato di due ruote, fissato sulla parte estrema roteante del macchinario, che consente di effettuare sempre alla stessa altezza un taglio perfetto dell’erba

La grande offerta di modelli e marche di decespugliatori rende veramente difficile la scelta di quello giusto, inoltre anche la forbice dei costi non aiuta sicuramente il compratore, però affidarsi a veri esperti del settore vi consentirà di fare il giusto acquisto

 

Salva

Salva

Related Posts

Calzature antinfortunistiche – indispensabili per la tua sicurezza durante il giardinaggio

Come preparare la legnaia – strumenti necessari e motosega consigliata

Potatura della lavanda. Tecniche e periodi

Trucchi e consigli per curare il tuo prato verde

Comments

Reply comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *