il prato verde

Curare un prato verde è una vera e propria passione che richiede tempo e voglia di fare. Non occorrono grandi conoscenze in tema di giardinaggio ed è più che sufficiente seguire poche e semplici raccomandazioni, nonché avere un approccio positivo e costruttivo. Si può realizzare un prato verde su un’area che prima era destinata ad altri utilizzi. In questo caso dovremo partire da zero, portando la terra, aggiungendo un po’ di sabbia al substrato, concimando adeguatamente, lasciando assorbire e, alla fine, seminando. Sarà molto più semplice realizzare un prato verde in un’area dove è già presente un manto erboso, cercando semplicemente di mantenere la bellezza estetica ed estirpando le malerbe infestanti a mano con l’ausilio di prodotti specifici.

il prato verde

 

Tagliare l’erba regolarmente

Un prato verde ben tenuto necessita di frequenti operazioni di taglio dell’erba. Dovremo scegliere l’attrezzatura più idonea, optando per un tosaerba elettrico solo se il giardino è di piccole dimensioni Per le aree più grandi sarà necessario un tosaerba a scoppio, con regolazione dell’altezza di taglio. Se abitiamo in prossimità di un bosco o in una zona dove il terreno è irregolare, potrebbe essere necessario acquistare anche un decespugliatore. Questo attrezzo può tagliare anche l’erba alta, potendo addirittura rimuovere i piccoli arbusti se il modello è dotato della lama accessoria da installare al posto della classica testina a filo di nylon. Il taglio dell’erba dovrà essere effettuato facendo molta attenzione anche ai bordi. Se il nostro tagliaerba è preciso può essere sufficiente operare con quello, altrimenti dovremo procurarci un tagliabordi per rifinire il prato. Per mantenere verde la nostra erba è importante evitare di farla crescere troppo. Durante la stagione primaverile potrebbe essere necessario intervenire addirittura ogni 15 giorni. Se il prato è caratterizzato da appezzamenti dove l’erba cresce meno può essere necessario riseminarla, oppure passare da quella posizione togliendo il cestello per la raccolta, in modo da concimare naturalmente la zona.

Impostare una correta irrigazione

Per avere un prato verde l’irrigazione è fondamentale. La migliore soluzione sarebbe poter disporre di un piccolo canale da deviare e da utilizzare all’occorrenza. Basterà verificare che le acque non siano contaminate da scarichi industriali o altri inquinanti. In alternativa potremo comunque raccogliere l’acqua piovana installando un sistema artigianale per limitare al massimo lo spreco. L’ultima ipotesi è quella di utilizzare l’acqua potabile del rubinetto. La raccomandazione principale è di annaffiare privilegiando le ore della sera dopo il tramonto o la mattina presto. Le goccioline d’acqua, infatti, a contatto diretto con la luce solare ingiallirebbero il manto. Se non abbiamo tempo libero a sufficienza da dedicare alle operazioni di irrigazione, possiamo comunque affidarci ad un dispositivo elettronico, facilmente reperibile nei negozi e nei supermercati all’interno dei reparti dedicati al fai da te e il giardinaggio, da installare sul rubinetto. In questo modo potremo programmare gli interventi a seconda del bisogno e delle ore migliori della giornata. Quando andremo a scegliere l’impianto di irrigazione sceglieremo un prodotto per l’annaffiatura a goccia da collocare sulle piante di cui non dobbiamo bagnare le foglie e un prodotto a pioggia per il prato.

Qualità del Terreno

Ottenere un prato perfettamente verde è possibile solo se si fa molta attenzione al terreno, compreso il substrato. In fase di preparazione dovremo verificare il drenaggio, specialmente nei periodi in cui le naturali precipitazioni atmosferiche sono abbondanti. I ristagni idrici e le pozzanghere sono pericolose sia per l’estetica del prato che per le piante che collochiamo in giardino. In particolare, sarebbe meglio cercare di evitare la concimazione stagionale e l’arricchimento della terra con prodotti chimici, privilegiando il compost biologico. La soluzione migliore sarebbe scegliere una qualità di erba, fiori e piante che in quel luogo cresce anche spontaneamente. Saremo così sicuri che anche senza interventi artificiali il nostro prato, se la stagione è favorevole, sarà sempre rigoglioso.

Siepi, bordure e decorazioni:

Un bel giardino verde non è completo se non viene decorato in modo elegante e raffinato. Dovremo prevedere di piantare una siepe lungo il perimetro, scegliendo una varietà adatta al clima e all’esposizione. Periodicamente la terremo ben curata, potandola con un tagliasiepi elettrico o a scoppio. Daremo alla siepe una forma accattivante, mantenendola sempre in ordine e cercando di rispettare il più possibile le linee che abbiamo progettato. Sui bordi del giardino andremo anche a piantare fiori e piante, per decorare ulteriormente e colorare il prato. Alberelli e piccoli arbusti completeranno l’opera verde

 

Related Posts

Calzature antinfortunistiche – indispensabili per la tua sicurezza durante il giardinaggio

Come preparare la legnaia – strumenti necessari e motosega consigliata

Potatura della lavanda. Tecniche e periodi

Come eliminare le erbacce del giardino col decespugliatore

Comments

Reply comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *